Scultura

Scultura

IL BIBLIOTECARIO: Omaggio a Giuseppe Arcimboldi- Scultura a tecnica mista = THE LIBRARY, tribute to Arcimboldi, mixed technique sculpture

IMG_4912
01 INIZIO DEI LAVORI….
IMG_4915
02 STUDI PER DIVERSE IPOTESI
IMG_4914
03 …SENZA MAI PERDERE DI VISTA IL RIFERIMENTO….
IMG_4925
04 …PASSAGGI DI CAOS APPARENTE, MA L’OPERA CRESCE…
IMG_4926
06 …COSTRUIRE L’ARTE: UN’EMOZIONE SEMPRE NUOVA…
IMG_4984
09 DETTAGLIO LATO SINISTRO..
IMG_4977
10 TUTTE LE PARTI SONO COSTRUITE A MANO CON PAGINE DI LIBRI ANTICHI…
IMG_4979
11 DETTAGLIO IN BASSO A SINISTRA (DAL LATO DELLA SCULTURA)
IMG_4978
12 VISTA DI 3/4…
IMG_4980
13 DETTAGLIO DEL LIBRO-SPALLA DX LATO FIGURA…
IMG_4982
15 L’OPERA TERMINATA (LATO DESTRO) E L’IMMAGINE DA CUI DERIVA…
IMG_4983
16 L’OPERA TERMINATA (LATO SINISTRO)..
IMG_4985
17 UNA INTENSA ESPRESSIONE MEDITABONDA, COI CAPELLI SPETTINATI….
HOMME-DE-CAFE-01
18 ILLUSTRI PRECEDENTI: L’HOMME DE CAFE 01′ ESEGUITO SU COMMISSIONE PER UNA IMPORTANTE AZIENDA DEL SETTORE, CUI E’ SEGUITO….
HOMME-DE-CAFE-02
19 ..L’HOMME DE CAFE’ 2: UN’ALTRA COMPOSIZIONE INEDITA USANDO SOLO OGGETTI REALI DEL MONDO DEL CAFFE’..
MANIERA-ARCIMBOLDESCA-Pagnini-caffè
20 UNA DELLE DUE OPERE….
HOMME-DE-CAFE
21 E QUESTA E’ L’ALTRA…
BOZZETTO-HOMME-DE-CAFE-01
…ED IL BOZZETTO PREPARATORIO (UNO DEI TANTI….)
BOZZETTO-CAFFE-02
22 …L’ALTRO BOZZETTO PER IL DIPINTO
arcimboldo-bibliotecario
23..IL MAESTRO ED IL SUO LAVORO: ARCIMBOLDI, IL BIBLIOTECARIO.
IMG_4923
24 IL LUOGO CHE HA ISPIRATO L’OPERA: PISA BOOK FESTIVAL, UN LUOGO MAGICO, VISITATELO…

OMAGGIO A GIUSEPPE ARCIMBOLDI
IL BIBLIOTECARIO

Giuseppe Arcimboldo nacque a Milano nel 1526, figlio di Biagio, pittore accreditato presso la Veneranda Fabbrica del Duomo e discendente da un ramo cadetto di un’aristocratica famiglia milanese. Presso la bottega paterna Giuseppe iniziò la sua attività artistica verso il 1549, anno in cui lo sappiamo impegnato nel disegno di cartoni che dovevano servire per la costruzione delle Vetrate del duomo di Milano.
lo storicoPaolo Morigia, amico di Giuseppe, parla di lui come di «…pittore raro, e in molte altre virtù studioso, e eccellente; e dopo l’aver dato saggio di lui, e del suo valore, così nella pittura come in diverse bizzarrie, non solo nella patria, ma ancor fuori, acquistasse gran lode…».
La formazione milanese dell’Arcimboldo lo vide dunque interessarsi a “diverse bizzarrie”, e c’è da scommettere che tra queste abbiano avuto un posto di rilievo le caricature fisiognomiche rese celebri – come testimoniaGiovanni Paolo Lomazzo – dal soggiorno milanese di Leonardo.
Nonostante la fama internazionale presto raggiunta, il catalogo delle opere di Arcimboldo a noi pervenuto è piuttosto scarno; esso si incentra in larga misura sulle famose “Teste Composte” fisionomie grottesche ottenute attraverso bizzarre combinazioni di una straordinaria varietà di forme viventi o di cose.

Il bibliotecario è stato dipinto da Giuseppe Arcimboldo – detto anche Arcimboldi – nel 1566; si tratta di un olio su tela che misura 97 x71 cm. Attualmente è conservato a Stoccolma nel museo castello di Skoklosters. Questo ritratto, che compone la fisionomia di un bibliotecario con la sistemazione dei libri, appartiene alle opere fantastiche che contraddistinguono la produzione artistica di Arcimboldo ed è stato eseguito in 21 repliche, per vari committenti dell’epoca.
La caratteristica principale del pittore milanese è quella di avere raffigurato soggetti con l’uso di oggetti e cose pertinenti alla loro vita e alle loro attività. Sono definite teste composite e, come in questo caso, la composizione è raffinata e molto originale, e sostanzia l’attività professionale del soggetto, appunto il bibliotecario.

Ho eseguito decine di riproduzioni di Arcimboldi, nel corso di decine di anni di professione, e imparando dettagli tecnici nel corso di numerose visite ai Musei dove sono esposte le sue opere.
Nel tempo avevo maturato la voglia di eseguire, prima o poi, una scultura partendo da un suo dipinto, una sorta di catarsi fra due e tre dimensioni, un passaggio inverso dal soggetto all’oggetto, dove il riferimento non è una composizione costruita ma il suo riflesso pittorico e il risultato è una scultura vera e propria. Intanto ero passato alla fase creativa realizzando per un importante committente due dipinti alla “maniera arcimboldesca” a tema: e cioè il caffè, impiegando oggetti del mondo del caffè, che è una scoperta del 1700, ma con la tecnica di un pittore del 1500, con un risultato ottimo.

In questa opera tridimensionale ho impiegato autentici libri antichi e molto vecchi, e ho costruito a mano altri volumi in base allle dimensioni che mi occorrevano, usando anche alcune pagine di un antico registro scritto a mano e datato intorno al 1575..
Il risultato è per me emozionante perchè dopo tanti lavori al cavalletto ho realizzato una metamorfosi di un’emozione che ricordo ad ogni nuovo dipinto che realizzavo come sua copia, ed è per me un piacere mostrare qui la sequenza fotografica della sua genesi.
Grazie.
Marco Rindori.

LE PROGRES. ASSIEME DI 5 PANNELLI 100 X 100 CMS. BRUXELLES, Hotel Le Progrès. 2003 ©

Questa opera composta da cinque pannelli rappresenta il Progresso dell’insieme UOMO-NATURA in un’arco di tempo che parte dall’inizio della vita e giunge al contemporaneo. ad oggi. indistinto di vita e morte e rinascita, metalli, pietre, evoluzione.. Ogni pannello misura 100 x 100 cms ed è stato eseguito su commissione della Proprietà dell’Hotel LE PROGRES di Bruxelles, proprio a simbolo ed in omaggio al nome dell’Hotel.

L’inizio è il caos, fuoco, insieme. Questo pannello è in pietra di ARDESIA incisa a mano, con foglia d’argento ed una scultura di 7 kg in argento con PIETRE DURE a simbolo dell’esplosione nel fuoco e la nascita della prima vita.

Scultura in argento eseguita dal Maestro orafo e amico GIORDANO PINI

—————————

This work consists of five panels representing the progress of the whole MAN-NATURE in Over a period running from the beginning of life and comes to contemporary. to date. indistinct of life and death and rebirth, metals, stones, evolution .. Each panel measures 100 x 100 cms and was executed by order of the Properties Hotel LE PROGRES of Brussels, just a symbol and a tribute to the name of the hotel.

The beginning is chaos, fire, together. This panel is engraved in stone SLATE by hand with silver leaf and a sculpture of 7 kg silver with STONES a symbol of the explosion in the fire and the birth of the first life.

Silver sculpture made ​​by the Master goldsmith and friend GIORDANO PINI

CREATION: KAOS
CREATION: KAOS

Questo pannello è in legno di quercia del 1600, con una parte dipinta, un non-finito, una parte intagliata a mano ed una struttura a forma di scala che accompagna il progresso del pensiero umano, lo supporta in un cammino evolutivo.

This panel is made of oak wood  of 15th century, with a painted part, a non-finished, hand-carved one side and a ladder-shaped structure that accompanies the progress of human thought, it supports an evolutionary path.

LA CONSAPEVOLE SCOPERTA DELL'ARTE
LA CONSAPEVOLE SCOPERTA DELL’ARTE

Questo pannello è rivestito in ACCIAIO INOX e VETRO A SPECCHIO, e simboleggia il progresso e la ricchezza che deriva all’uomo dalla scoperta dell’utilizzo dei metalli: una fenditura nell’acciaio lascia sgorgare oro e monete, simboli di abbondanza, mentre lo specchio invita a riflettere…

This panel is clad in stainless steel and GLASS MIRROR, and symbolizes the progress and the wealth that comes to man from the discovery of the use of metals: a slit in the steel spring leaves and gold coins, symbols of abundance, while the mirror invites  to think…

IL METALLO ED IL SUO VALORE
IL METALLO ED IL SUO VALORE

Questo pannello è il punto dove poesia e scienza si incontrano, e spianano la strada al progresso dell’uomo moderno, viaggiatore, dinamico, consapevole del Mondo e delle sue conquiste.

This panel is where poetry and science meet, and pave the way for the progress of modern man, traveler, dynamic, aware of the world and its achievements.

DNA E PENSIERO EVOLUTIVO
DNA E PENSIERO EVOLUTIVO

Questo pannello è composto da un modellato in vetroresina e nylon, con dei fiori di plastica e altri dipinti, a segnare l’illusioneche la plastica e la sua scoperta ha portato nella vita contemporanea, in un progresso forse falso, illusorio se non controllato, e che mette a rischio il proseguo della stessa vita del Pianeta, infatti la parte estrema è idealmente congiunta alla stessa forma di partenza, al caos, al fumo di una progressiva distruzione…

This panel is composed of a molded fiberglass and nylon, with plastic flowers and other paintings, to mark the illusion that the plastic and its discovery led in contemporary life, in progress, perhaps false, illusory if not controlled, and that puts at risk the continuation of life itself on the planet, in fact the extreme part is ideally combined with the same starting form, the chaos, the smoke of a progressive destruction …

PLASTICA ILLUSIONE
PLASTICA ILLUSIONE

ES (e) IO scultura: come e perchè / sculpture: reasons and why

SCULTURA-1-WEB

inside the sculpture/ INTERNO DELLA SCULTURA
inside the sculpture/ INTERNO DELLA SCULTURA
detail of face with an allegory of the contemporary life/ DETTAGLIO DEL VOLTO CON UN'ALLEGORIA DELLA VITA CONTEMPORANEA
detail of face with an allegory of the contemporary life/ DETTAGLIO DEL VOLTO CON UN’ALLEGORIA DELLA VITA CONTEMPORANEA

Una maschera copre le paure dell’animo umano e le mostra attraverso uno sguardo ravvicinato che scopre, “dentro”, le concrezioni generate da esperienze di terrore collettivo: una vista di una metropoli, nella fattispecie New York, nel giorno forse più drammatico, quell’ 11 Settembre che ha cambiato molte cose nella Storia, rappresentato da un cuneo che si infila in una struttura verticale, e oggi rimane riflesso da specchi convessi, che ingrandiscono la realtà, la distorcono….

——————————————-

A mask covers the fears of the human soul and shows through a closer look finds that, “inside”, the concretions generated from the collective experiences of terror: a view of a metropolis, in this case New York, perhaps the most dramatic in the day, the September 11 has changed many things in history, represented by a wedge that slips into a vertical structure, and today it remains reflected by convex mirrors, magnifying the reality, they distort ….