FRA EDEN E LUNA-PARK © From Eden to LunaPark (all right reserved). Tempera grassa su tavola varie misure

 

LE RAGIONI DEL TITOLO

Sesso debole; gentil sesso; e quante altre definizioni hanno indicato, da tempo immemorabile, l’elemento fondante di ogni società, la portatrice di vita: la donna, o, meglio, la femmina.

Questo vero e proprio ruolo ha assunto, col passare degli anni, e procedendo verso il terzo millennio, una valenza sempre differente a seconda della parte sociale dalla quale ha ricevuto attenzioni, ma con una costante che si è sempre resa evidente e anche ai nostri giorni: l’icona, la corporeità, direi, dell’interesse che si fa materia, da quanto è denso – sempre teso a controllare, spesso in forma morbosa – in ogni sua accezione, positiva o negativa, verso una figura intesa come forma che prescinde dalla sostanza, l’involucro prezioso di per sé anche senza alcun contenuto.

Madonna, dama, signora, donna, femmina: in un volontario costante e coerente oblio dell’importanza soprattutto sociale, appunto, che proprio come femmina, complementare e quindi indispensabile accanto al maschio, con proprie peculiarità distinte e fortemente evocative, la femmina ha dovuto accettare nel corso dei secoli il giudizio e la condanna invidiosa da parte di un maschilismo meschino capace di distruggere quello che non sa creare.

Questa piccola collezione è il mio personale gesto di scusa per quanti hanno agito e agiscono contro

questa figura non tralasciando nessun dettaglio, per ribadire il ruolo deciso altrove per lei e che –sia ben chiaro- può cambiare quando più fa comodo.

——————

REASONS FOR THE TITLE

Weaker sex; the fairer sex; and how many other definitions have indicated, from time immemorial, the cornerstone of every society, the bringer of life: the woman, or rather the female.

This real role has become, over the years, and moving towards the third millennium, a value always different depending on the part of the capital which has received attention, but with a constant that has always made ​​evident and even today : the icon, the body, I would say, the interest that you matter, how dense it is – always striving to control, often in the form of disease – in every sense, positive or negative, as a form to a figure that is independent from the substance, the casing valuable in itself, even without any content.

Lady, lady, lady, woman, female: a volunteer in a steady and consistent neglect of the importance above all social, in fact, that just as female, complementary and therefore essential beside the male, with its own distinct characteristics and highly evocative, the female had accept in the course of the centuries the trial and punishment by a jealous machismo mean capable of destroying not know what to create.

This small collection is my personal apology to those who have acted and are acting against

this figure does not omitting no detail, to emphasize the role for her and decided elsewhere-both well clear- can change when it suits them most.

 

 

Dal Paradiso Terrestre al Luna Park: la serie inizia con l’immagine resa a colori complementari di una giovane femmina in pieno sbocciare del proprio corpo, tentazione assoluta; ma l’immagine ha uno strappo che tende ad escludere, a separare la testa dal resto del corpo: un viso ancora da bambina, da bambola ma un’espressione seria rivela un pensiero in atto che, in quanto pensiero, non interessa quanto il resto e quindi se ne potrebbe anche fare a meno….

From the Earthly Paradise to the Luna Park: The series begins with the image rendered in complementary colors of a young female in full bloom of her body, absolute temptation; but the picture has a tear that tends to exclude, to separate the head from the rest of the body: face still a child, doll but a serious expression reveals a thought in act, as they thought, do not care what the rest and then they could also do without ….

 

DAL PARADISO TERRESTRE AL LUNA-PARK
DAL PARADISO TERRESTRE AL LUNA-PARK

 

 

Eva addormentata: ovvero il libero arbitrio come espressione della volontà di dare e ricevere piacere in un ruolo di coppia che consapevolmente ed in forma contemporanea ricerca proprio questo senso. Qui Eva conosce il piacere del peccato, e ne fa scorta, per il futuro, ritagliando un contenitore nel nero di un non-tempo e non-spazio.

————-

Eva asleep: that free will as an expression of the desire to give and receive pleasure in the role of a couple who knowingly and research in contemporary form precisely this sense. Here Eva knows the pleasure of sin, and makes it stock up for the future, cutting a black container in a non-time and non-space.

 

SLEEPING EVA
SLEEPING EVA

 

 

La caduta dell’angelo ribelle (Broken Toy). Una figura femminile come una surreale bambola, uno splendido giocattolo da cercare quando più fa piacere: forme splendide ed evocatrici per chi ha ancora il dono della fantasia reale e non virtuale; un regalo scartato dall’abito di nylon, strappato per ottusa impazienza. Poi la caduta infinita – o di nuovo il volo…

————-

The fall of the rebel (Broken Toy). A female figure like a surreal doll, a beautiful toy to look for when more pleased: the beautiful and evocative forms for those who have the gift of fantasy is real and not virtual; a gift unpacked Gown nylon, torn by blunt impatience. Then the infinite fall – or the flight back …

 

LA CADUTA DELL'ANGELO RIBELLE (BROKEN TOY)
LA CADUTA DELL’ANGELO RIBELLE (BROKEN TOY)

 

 

L’urlo. Violenza. Stupida, cieca, inutile gesto su chi ha altre armi che non offendono perché da sempre usate per difendersi. Il ruolo reso fisicità, corpo disceso da una croce alla quale è stato inchiodato nel nome di un dio che bestemmia se stesso.

————-

The Scream. Violence. Stupid, blind, useless gesture on who has other weapons that do not offend because they always used to defend themselves. The role made physicality, descended from a body which was nailed to the cross in the name of a god who curses himself.

 

URLO - SCREAM
URLO – SCREAM

 

 

Rebirth (rinascere)

La figura umana rinasce dalle proprie ceneri tra fiamme metafisiche di un nylon surreale che ancora divorano il colore della carne viva, pulsante, lasciano il grigio dell’ipotesi ma la vita riprende forza . La coscienza rompe un nero divoratore e identifica ancora il luogo geografico per dare un punto di partenza nuovo in un mondo antico ed i tratti orientali del volto indicano ad Est la provenienza della nuova vita, del nuovo amore.

—————-

The human figure is reborn from its ashes in the flames of a metaphysical nylon surreal still devour the color of the flesh, button, leave the gray hypothesis but life goes on strength. The consciousness breaks a black hog and still identifies the geographical location to give a new point of departure in an ancient world and the oriental features of the face to the east indicate the source of new life, new love.

 

RINASCERE- REBIRTH
RINASCERE- REBIRTH

LE PROGRES. ASSIEME DI 5 PANNELLI 100 X 100 CMS. BRUXELLES, Hotel Le Progrès. 2003 ©

Questa opera composta da cinque pannelli rappresenta il Progresso dell’insieme UOMO-NATURA in un’arco di tempo che parte dall’inizio della vita e giunge al contemporaneo. ad oggi. indistinto di vita e morte e rinascita, metalli, pietre, evoluzione.. Ogni pannello misura 100 x 100 cms ed è stato eseguito su commissione della Proprietà dell’Hotel LE PROGRES di Bruxelles, proprio a simbolo ed in omaggio al nome dell’Hotel.

L’inizio è il caos, fuoco, insieme. Questo pannello è in pietra di ARDESIA incisa a mano, con foglia d’argento ed una scultura di 7 kg in argento con PIETRE DURE a simbolo dell’esplosione nel fuoco e la nascita della prima vita.

Scultura in argento eseguita dal Maestro orafo e amico GIORDANO PINI

—————————

This work consists of five panels representing the progress of the whole MAN-NATURE in Over a period running from the beginning of life and comes to contemporary. to date. indistinct of life and death and rebirth, metals, stones, evolution .. Each panel measures 100 x 100 cms and was executed by order of the Properties Hotel LE PROGRES of Brussels, just a symbol and a tribute to the name of the hotel.

The beginning is chaos, fire, together. This panel is engraved in stone SLATE by hand with silver leaf and a sculpture of 7 kg silver with STONES a symbol of the explosion in the fire and the birth of the first life.

Silver sculpture made ​​by the Master goldsmith and friend GIORDANO PINI

CREATION: KAOS
CREATION: KAOS

Questo pannello è in legno di quercia del 1600, con una parte dipinta, un non-finito, una parte intagliata a mano ed una struttura a forma di scala che accompagna il progresso del pensiero umano, lo supporta in un cammino evolutivo.

This panel is made of oak wood  of 15th century, with a painted part, a non-finished, hand-carved one side and a ladder-shaped structure that accompanies the progress of human thought, it supports an evolutionary path.

LA CONSAPEVOLE SCOPERTA DELL'ARTE
LA CONSAPEVOLE SCOPERTA DELL’ARTE

Questo pannello è rivestito in ACCIAIO INOX e VETRO A SPECCHIO, e simboleggia il progresso e la ricchezza che deriva all’uomo dalla scoperta dell’utilizzo dei metalli: una fenditura nell’acciaio lascia sgorgare oro e monete, simboli di abbondanza, mentre lo specchio invita a riflettere…

This panel is clad in stainless steel and GLASS MIRROR, and symbolizes the progress and the wealth that comes to man from the discovery of the use of metals: a slit in the steel spring leaves and gold coins, symbols of abundance, while the mirror invites  to think…

IL METALLO ED IL SUO VALORE
IL METALLO ED IL SUO VALORE

Questo pannello è il punto dove poesia e scienza si incontrano, e spianano la strada al progresso dell’uomo moderno, viaggiatore, dinamico, consapevole del Mondo e delle sue conquiste.

This panel is where poetry and science meet, and pave the way for the progress of modern man, traveler, dynamic, aware of the world and its achievements.

DNA E PENSIERO EVOLUTIVO
DNA E PENSIERO EVOLUTIVO

Questo pannello è composto da un modellato in vetroresina e nylon, con dei fiori di plastica e altri dipinti, a segnare l’illusioneche la plastica e la sua scoperta ha portato nella vita contemporanea, in un progresso forse falso, illusorio se non controllato, e che mette a rischio il proseguo della stessa vita del Pianeta, infatti la parte estrema è idealmente congiunta alla stessa forma di partenza, al caos, al fumo di una progressiva distruzione…

This panel is composed of a molded fiberglass and nylon, with plastic flowers and other paintings, to mark the illusion that the plastic and its discovery led in contemporary life, in progress, perhaps false, illusory if not controlled, and that puts at risk the continuation of life itself on the planet, in fact the extreme part is ideally combined with the same starting form, the chaos, the smoke of a progressive destruction …

PLASTICA ILLUSIONE
PLASTICA ILLUSIONE

GIUDIZIO UNIVERSALE / Universal judgment. REINTERPRETAZIONE DA MICHELANGELO, tempera alla caseina su tavola 200 x 220 cms

Questo lavoro, iniziato nel 2004 e durati 11 mesi, è il proseguo dell’idea nata con il TONDO DONI/LOSI, con la medesima committenza e nel segno della passione per l’Arte.

Si è trattato di un’opera costruita con il preciso intento di rendere un amaggio implicito al Genio di Michelangelo, alla sua poetica, ed una interpretazione del concetto di affetto, di amore universale, che si concentra e si espande nella Famiglia. Infatti in questo dipinto si trovano i familiari del committente, oltre a lui medesimo, raffigurati in luoghi del dipinto che hanno attinenza ai ruoli della vita reale, proprio come era stato l’intento di Michelangelo.

L’enorme coinvolgimento emotivo che questo lavoro ha comportato mi ha fatto capire una volta di più quanto sia l’Arte una sorta di realtà spoglia delle paure e delle convenzioni sociali, mentre ciò che consideriamo reale altro non è che una sorta di MATRIX, di un Mondo che vogliamo o non vogliamo vedere, a seconda della convenienza. L’amico Mattia ancora una volta mi ha messo davanti all’universo immenso che solo i sentimenti creano, facendomene partecipe e interprete, e questo fatto mi legherà per sempre a lui, nel segno della coscienza e della tecnica artistica tesa a rappresentarne la visione conscia e subconscia, e ancora il mio Grazie non potrà mai bastare.

L’opera è realizzata su pannello di multistrato, per evitare spacchi viste le dimensioni, su una preparazione (o ammanitura) di gesso e colla, su cui ho lavorato con colori in polvere legati con caseinato di calcio, il fondo azzurro è realizzato con LAPISLAZZULI autentico, come a suo tempo ha fatto Michelangelo, mentre tutti gli altri colori sono i più fedeli possibile ai colori usati dal Maestro.

Una particolarità è data dalla CORNICE, realizzata riproducendo in scala la parete della Cappella Sistina sulla quale si trova l’originale: una soluzione che rende la vista d’insieme un’esperienza surreale e molto d’effetto, la cornice è stata realizzata da A.R.M. STUDIOARTE, dell’Arch. Roberto Medica, lo stesso del Tondo Doni/Losi, oltre mio caro amico.

ENGLISH VERSION

This work, which began in 2004 and lasted 11 months, is a continuation of the idea born with the ROUND GIFTS / LOSI, with the same client and the sign of passion for the art.

It was a work built with the specific intention of making an implicit tribute to the genius of Michelangelo, in his poetry, and an interpretation of the concept of love, universal love, which focuses and expands in the Family. In fact, in this painting are the family members of the client, in addition to himself, the places depicted in the painting that are relevant to the roles of real life, just as it had been the intention of Michelangelo.

The enormous emotional involvement that this work has involved made ​​me realize once more how the art is a sort of reality stripped of the fears and social conventions, while what we consider real is nothing more than a kind of MATRIX, of a world we want or do not want to see, depending on your convenience. The friend Mattia once again put me in front of the immense universe that only the feelings they create, facendomene participant and interpreter, and this fact will bind me for ever to him, as a sign of consciousness and artistic technique intended to represent the conscious vision and subconscious, and even my thanks will never be enough.

The work is carried out on a panel of plywood to prevent cracks due to its size, on a preparation (or ammanitura) of chalk and glue, I’ve worked with color powder bonded with calcium caseinate, the bottom is made of blue LAPIS LAZULI authentic, as Michelangelo did in his time, while all other colors are as faithful as possible to the colors used by the Master.

A peculiarity is the FRAME, originally based on scaled the wall of the Sistine Chapel on which is the original: a solution that makes the view of the whole experience surreal and very effective, the frame was made by ARM StudioArTe, Arch. Roberto Medica, the same as the Doni Tondo / Losi, as well as my dear friend

DISEGNO DELLE FIGURE CONTEMPORANEE
DISEGNO DELLE FIGURE CONTEMPORANEE
ABBOZZO FIGURE INEDITE CONTEMPORANEE (COMMITTENTE E FAMIGLIA)
ABBOZZO FIGURE INEDITE CONTEMPORANEE (COMMITTENTE E FAMIGLIA)
TAVOLOZZA, VISTA DA SOPRA LA SCALA...
TAVOLOZZA, VISTA DA SOPRA LA SCALA…
PROSEGUO DELL'OPERA: INIZIO STESURA DEL LAPISLAZZULI AUTENTICO(OLTREMARE)
PROSEGUO DELL’OPERA: INIZIO STESURA DEL LAPISLAZZULI AUTENTICO(OLTREMARE)
PROVA DETTAGLIO VERNICE AL SILICATO DI SODIO
PROVA DETTAGLIO VERNICE AL SILICATO DI SODIO
...INTANTO LA NOTIZIA COMINCIA A GIRARE...
…INTANTO LA NOTIZIA COMINCIA A GIRARE…
..E IO PROSEGUO A DIPINGERE, CON EMOZIONE...
..E IO PROSEGUO A DIPINGERE, CON EMOZIONE…
..QUALCOSA DI GRANDE, DAVVERO IN OGNI SENSO.
..QUALCOSA DI GRANDE, DAVVERO IN OGNI SENSO.
L'OPERA FINITA IN ATTESA DELLA SPLENDIDA CORNICE
L’OPERA FINITA IN ATTESA DELLA SPLENDIDA CORNICE
GIUDIZIO UNIVERSALE INCORNICIATO
GIUDIZIO UNIVERSALE INCORNICIATO

TONDO DONI/LOSI tempera all’olio su tavola tonda 120 cms 2002

Questo dipinto è stato commissionato da una persona particolare, un committente che ha svolto un tratto della sua vita attraversando arte e psicologia, in un connubio di emozioni e sensazioni forti e dolci, liete e profondamente dolorose, e dio ho avuto la fortuna, oltre che la ventura, di essergli accanto nei panni di esecutore di un suo progetto: quello di esprimere in un’unica opera d’arte tutto l’amore per chi è nel suo cuore e il ricordo fissato nel colore per sempre di qualcuno che da sempre insegna ad amare: il cane, anzi, un cane speciale, Dunfionn.

Attraverso questo dipinto ho potuto portare di molto in avanti il mio limite emozionale, e di questo, e di tutto il bellissimo ricordo che conserverò per sempre nel cuore, sono grato a Mattia, MariaGrazia e Lorenzo.

La splendida cornice è stata realizzata dall’Arch. Roberto Medica di A.R.M. STUDIOARTE

PRIMO SCHIZZO PER COMPOSIZIONE
PRIMO SCHIZZO PER COMPOSIZIONE
PRIME PROVE DI COMPOSIZIONE
PRIME PROVE DI COMPOSIZIONE

 

 

ABBOZZO DELLA COMPOSIZIONE
ABBOZZO DELLA COMPOSIZIONE
L'OPERA PRENDE FORMA...
L’OPERA PRENDE FORMA…
DETTAGLI: DIPINTO E FOTO DELL'ORIGINALE...
DETTAGLI: DIPINTO E FOTO DELL’ORIGINALE…
PREPARAZIONE DELLE TESTE PER LA CORNICE
PREPARAZIONE DELLE TESTE PER LA CORNICE
PRIME VEDUTE D'INSIEME: ABBOZZI DI DIPINTO E CORNICE
PRIME VEDUTE D’INSIEME: ABBOZZI DI DIPINTO E CORNICE
MONTAGGIO DELLE TESTE NELLA CORNICE
MONTAGGIO DELLE TESTE NELLA CORNICE
DIPINTO TERMINATO
DIPINTO TERMINATO
ASSIEME DIPINTO-CORNICE: NASCITA DI UN'OPERA D'ARTE
ASSIEME DIPINTO-CORNICE: NASCITA DI UN’OPERA D’ARTE